AREE OPERATIVE

Raggruppate in questa pagina trovi le funzioni aziendali che noi soci sviluppiamo integriamo per i nostri clienti.

Siamo degli specialisti ma, grazie all’associazione, hai la possibilità di contattare diversi professionisti e creare un team liquido per la tua azienda, a seconda delle tue necessità.

DIREZIONE STRATEGICA

La Direzione Strategica in Azienda rappresenta l’elemento chiave per lo sviluppo, la guida ed il mantenimento nel tempo della Competitività della Azienda per rimanere sul mercato in modo vincente e per garantire gli obiettivi di medio lungo termine degli Azionisti o della Proprietà.

Essa garantisce che L’azienda abbia chiare le linee guida su cui si deve fondare il mantenimento delle posizioni sul mercato lo sviluppo coerente dei Prodotti/Servizi proposti, degli obiettivi Economico-Finanziari, della sostenibilità Sociale e Ambientale e che tutto il sistema azienda si orienti nelle azioni verso gli obiettivi condivisi.

La visione manageriale di insieme unitamente alla valorizzazione della Creatività delle idee e della Innovazione nelle azioni sono la chiave per ottenere risultati reali e tangibili.

L’attività, in sintesi, consiste nella guida della gestione aziendale in tutte le sue componenti, attraverso la definizione delle strategie, degli obiettivi aziendali e all’insieme delle azioni gestionali volte al loro perseguimento.

La Direzione Aziendale deve coordinare le attività della propria organizzazione e deve tracciare le linee guida e la pianificazione delle azioni in linea con gli scopi dell’azienda.

Questo avviene tramite i seguenti fattori chiave:

Realizzazione del Business Plan
Pianificazione degli interventi
Organizzazione in termini di risorse e metodi
Coordinamento dei processi aziendali
Controllo delle coerenze di azione e del raggiungimento degli obiettivi

Il ruolo del Temporary Manager è quello di supportare la Direzione nella definizione del Piano strategico, nel controllo delle attività per la realizzazione corretta del Piano. Inoltre affianca la Direzione nel rilanciare l’attività nei casi di passaggio generazionale e in momenti di difficoltà guidarla attraverso le operazioni straordinarie

 

  • Sviluppo di strategie aziendali e del Business Plans
  • Garantire la coerenza tra sviluppo organizzativo e obiettivi di business
  • Identificare le Azioni Correttive nelle fasi esecutive dei piani e nelle attività lanciate.
  • Definizione dei Piani di rilancio per situazione di crisi aziendale
  • Passaggi generazionali
  • Delocalizzazioni ed operazioni straordinarie

RISORSE UMANE

Le persone sono l’asset più importante di una azienda ed uno dei fattori principali di successo. Creare un ambiente stimolante, sereno e motivato in cui le singole competenze e capacità vengono valorizzate è uno dei compiti affidati all’imprenditore al fine di realizzare gli obiettivi aziendali, nel rispetto dei valori, dell’etica e delle diversità culturali esistenti.

Il ruolo del Temporary Manager è capire l’organizzazione aziendale, la strategia dell’impresa, gli obiettivi di crescita e/o di riorganizzazione supportando la Direzione Aziendale con strumenti idonei e qualificati tenendo conto delle competenze esistenti per creare un ambiente positivo ed orientato a risultati.

    • Definire i fabbisogni di personale dopo una analisi delle competenze al fine di reclutare le persone più adatte al contesto aziendale;
    • Utilizzare strumenti di selezione del personale, compresi test attitudinali e di personalità, per valutare le competenze e le capacità con particolare attenzione alle soft skills;
    • Individuare i percorsi formativi per fornire le adeguate conoscenze e mantenere aggiornato le competenze di base anche utilizzando strumenti di formazione finanziata;
    • Definire sistemi di performance management idonei a trattenere i migliori talenti ed attuare piani di compensation & benefit;
    • Organizzare attività ed uffici garantendo processi aziendali snelli ed efficienti;
    • Definire procedure interne e policy aziendali chiare e trasparenti;
    • Adeguare l’azienda alle norme di legge e di contratto con particolare attenzione agli aspetti di sicurezza del lavoro e privacy;
    • Mantenere relazioni industriali proficue e volte alla definizione di piani di welfare aziendale;
    • Supervisionare l’amministrazione del personale ed il payroll, definire i budget annuali e tenere sotto controllo il costo del lavoro;
    • Supportare l’organizzazione aziendale e l’imprenditore nei piani di change management, di riorganizzazione aziendale a seguito di crisi, di cambiamenti manageriali e/o di passaggi generazionali;
    • Assicurare e mantenere l’engagement e la motivazione del personale con analisi di clima ed utilizzando strumenti di welfare, well being nel rispetto delle diversità interne;
    • Preparare l’organizzazione ai futuri cambiamenti introducendo strumenti come lo smart working per favorire il bilanciamento lavoro famiglia, la digitalizzazione di attività e processi, l’introduzione di tools di intelligenza artificiale garantendo nel contempo un corretto bilanciamento tra le risorse (Age Management).

MARKETING & COMUNICAZIONE

Il marketing rappresenta una funzione fondamentale, trasversale a tutta l’organizzazione aziendale, che si realizza attraverso un insieme di processi e attività volte a creare, comunicare e fornire valore ai clienti e, quindi, produrre benefici per l’azienda stessa.
La comunicazione è quindi parte integrante del processo e delle strategie di marketing:
governa le relazioni con il mercato (consumatori, intermediari, partners) e rappresenta il complesso delle attività di promozione di prodotti e/o servizi dell’azienda, coordinandone in modo coerente gli strumenti e i canali (media Offline e Online).
Il ruolo del Temporary Marketing Manager è di definire strategie specifiche per il mercato di riferimento, di organizzare e coordinare l’implementazione delle diversificate attività di Marketing e Comunicazione, aiutando gli imprenditori a far crescere l’azienda in modo equilibrato e nel medio-lungo periodo.

  • Studio del mercato e scenario competitivo – analisi del target clienti e delle loro esigenze
  • Definizione di un piano strategico efficace – crescita competitività e ottimizzazione redditività aziendale
  • Predisposizione , tempificazione e coordinamento delle azioni di Marketing Operativo
  • Individuazione del corretto posizionamento di prodotti e servizi
  • Progettazione e lancio di nuovi Brands e linee prodotto
  • Definizione Strategie di Politica prezzi
  • Implementazione e gestione di attività promozionali e campagne pubblicitarie su diversi media
  • Digital Marketing – sviluppo attività e miglioramento posizionamento su Web e Social media
  • Lead generation
  • Supporto all’area Sales per sviluppo nei diversi canali di vendita e internazionalizzazione.

AMMINISTRAZIONE FINANZA CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE

Amministrazione è l’attività di gestione di beni patrimoniali o di governo di un’istituzione.

Effettua la rilevazione ordinata ed eventualmente la elaborazione di informazioni, per lo più di natura economica, sui fatti della gestione aziendale, al fine di costituire la memoria dell’organizzazione.

Il termine “amministrazione” va distinto da quello di “management” in quanto le informazioni rilevate ed elaborate nel corso dell’attività di amministrazione costituiscono un input per le successive decisioni manageriali.

La “Finanza d’impresa o Finanza aziendale”, è un’area societaria che si occupa di prendere le decisioni volte a sostenere finanziariamente le sue attività  analizzarle e valutarle (e.g. analisi costi/benefici e analisi input/output).

Il “Controllo di Gestione o Direzionale” è il meccanismo operativo che guida la gestione verso il conseguimento degli obiettivi stabiliti in sede di pianificazione , rilevando, attraverso la misurazione di appositi indicatori, lo scostamento tra obiettivi prefissati e risultati conseguiti e informando di tali scostamenti gli organi responsabili, affinché possano decidere e attuare le opportune azioni correttive.

Il processo di controllo di gestione si svolge generalmente secondo un ciclo periodico, normalmente annuale, articolato nelle seguenti fasi:

  • controllo antecedente;
  • controllo concomitante;
  • controllo susseguente.

La “Pianificazione Aziendale” è lo strumento attraverso il quale l’azienda definisce i suoi obiettivi e le azioni necessarie per raggiungerli. Gli obiettivi, a loro volta, possono essere definiti come risultati futuri, misurabili, che si prevede di conseguire entro un determinato tempo (il loro orizzonte temporale).

  • Pianificazione, in cui vengono definite le strategie necessarie e vengono valutate delle idee con cui poi verranno creati gli obiettivi su un periodo medio-lungo dai 3 ai 5 anni
  • Programmazione, in cui vengono definite altre strategie, ma a breve termine, e in pratica vengono messi in atto gli obiettivi
  • Controllo dell’azienda, in cui viene verificato se essa è riuscita ad arrivare agli obiettivi

La struttura della pianificazione aziendale prevede il coinvolgimento della

  • Struttura organizzativa
  • Sistema informativo
  • Analisi dei Processi
  • Gestione delle informazioni

Il Temporary Manager, nell’ambito della missione affidatagli, può svolgere un ruolo declinabile alle funzioni aziendali descritte con la veste normalmente riconosciutagli di Chief Financial Officer (CFO), Controller, Responsabile Amministrativo.

OPERATIONS: Produzione – Supply Chain – Logistica

L’area Operations, ovvero tecnico-produttiva, è la componente fondamentale per far prosperare l’intera azienda, in quanto dal grado di efficienza dei suoi processi dipende la qualità, quantità ed i tempi di consegna dei prodotti (o dei servizi) al cliente e, in definitiva, il suo successo. Il ruolo del Temporary Manager è ottimizzare i suoi processi e la loro integrazione, curandone i flussi informativi ed operativi migliorandone strumenti, persone ed organizzazione, così da ridurre al minimo inefficienze e sprechi per portare al massimo la marginalità dell’ azienda.

  • Analisi e miglioramento dei sistemi e processi produttivi (metodi Six Sigma, Lean Thinking, World Class Manufacturing, Agile)
  • Organizzazione ed ottimizzazione della Supply Chain
  • Integrazione dell’intera filiera del valore e valorizzazione delle partnerships
  • Rapporti con fornitori e partners : definizione specifiche tecniche e di fornitura, materie prime/materiali di consumo, standard qualitativi, contrattualistica, riservatezza ed esclusività
  • Gestione reparti operativi – Manutenzione – Uffici Tecnici – Pianificazione – Logistica – Qualità Integrata
  • Organizzazione di reti di collaborazione per l’impresa
  • Facility Management: Servizi vari aziendali – Sicurezza – Ambiente
  • Formazione: qualificazione professionale delle risorse interne aziendali

ICT

In qualunque azienda che opera sul mercato, una solida area ICT è alla base del lavoro quotidiano. L’ICT moderno è fortemente “pervasivo” ed è ormai coinvolto in quasi tutte le aree aziendali. Non si sostituisce all’organizzazione societaria ma deve saper fornire gli strumenti idonei alla più efficace ed efficiente esecuzione dei diversi processi e prassi aziendali. Non è ancora una commodity (a differenza della telefonia e dell’energia) e sono i professionisti che presidiano l’area a fare la differenza. Non riguarda solo la sicurezza dei dati e dell’operatività ma anche lo sviluppo di software per l’analisi e l’uso efficace dei dati oltre allo sviluppo della business intelligence. Misurare correttamente i vari fenomeni diventa essenziale per poter migliorare il business. I dati sono quasi sempre già presenti in azienda, ma essi diventano informazioni utili quando sono correttamente aggregati, in funzione del fruitore della specifica informazione. 

La Digitalizzazione è oggi la chiave di volta per il successo di ogni impresa .

Il Temporary Manager ICT supporta l’impresa nei suoi obiettivi di digitalizzazione e di sviluppo coordinando o gestendo le attività, riducendone i rischi nel rispetto delle normative e sviluppando dove necessario nuovi ed efficaci programmi per il miglioramento delle attività e del Business.

  • Analisi piattaforme informatiche
  • Gestione interna programmi SAP, ORACLE, SALESFORCE
  • Selezione Software
  • Progetti ERP, Business Intelligence, CRM
  • Rischi Informatici e vulnerability assessment
  • Forensics, Supporto Implementazione ISO serie 27000 e collegate
  • Integrazione sistemi informativi (i.e. dopo M&A o acquisizioni) e normative cogenti

 

SALES MANAGEMENT

L’area Sales ha una rilevanza strategica nell’organizzazione aziendale perché è una delle attività che contribuisce in maniera decisiva alla crescita in termini di fatturato e profitti.

Quella del Sales management è la disciplina di business che si occupa della gestione di tutte le attività indirizzate al perseguimento delle finalità commerciali dell’azienda, dalla definizione degli obiettivi di vendita alle strategie per raggiungerli.

Il ruolo del Temporary Sales Manager è, quindi, di effettuare la pianificazione e l’implementazione delle attività necessarie, mirate per lo specifico contesto competitivo:

  • Progettazione e realizzazione del piano commerciale;
  • Definizione obiettivi di vendita e del budget;
  • Impostazione e gestione del processo di vendita;
  • Definizione listini, offerte e scontistica;
  • Sales Reporting – definizione KPI (indicatori chiave di prestazione);
  • Gestione e acquisizione di clienti;
  • Organizzazione, supporto e supervisione del team di vendita.
  • Individuazione e Gestione dei diversi canali commerciali (Trade marketing);
  • Tecniche di sviluppo di nuovi canali di vendita esteri (internazionalizzazione)

INNOVAZIONE TECNOLOGICA, DI PROCESSO E DI PRODOTTO / SERVIZIO – R&D

Il livello di competitività dell’azienda sul mercato passa necessariamente per la sua propensione all’Innovazione in genere ed a quanto investe in R&D

L’innovazione di processo migliora le tecniche e l’efficienza aziendale in ogni attività operativa o di business, dal Marketing al Post Vendita, in funzione degli obiettivi o delle necessità. A tal fine si preoccupa, inoltre, di integrare nel processo di sviluppo, nel modo più efficace, sia gli strumenti digitali necessari (se del caso) che le competenze e le soft skills delle persone.

L’innovazione di prodotto, è rivolta al miglioramento di un prodotto (o un servizio) nel senso di renderlo sempre più attuale e rispondente alle necessità espresse (o inespresse) dei suoi potenziali clienti, in modo che risulti migliore, più competitivo ed appetibile di qualsiasi altra possibile offerta sul mercato.

Per questo scopo si avvale della funzione R&D e del supporto delle altre funzioni principali, in particolare Marketing, Produzione, Supply Chain e Servizio Post Vendita.

Il compito del Temporary Manager è organizzare e gestire tra tutte le funzioni coinvolte le diverse forme e fasi del progetto di innovazione aziendale in maniera efficace e sostenibile, compatibilmente con gli obiettivi e le aspettative dell’imprenditore.

PROJECT MANAGEMENT

Il ruolo del project management riguarda l’organizzazione delle attività e della gestione delle persone con la finalità di raggiungere gli obiettivi del progetto assegnato, sia esso tecnico, di innovazione, produttivo o strategico.

Il Temporary Manager ha il compito di creare e/o gestire il team di persone, pianificare, monitorare e rendicontare alla direzione i risultati ottenuti, così da garantire il raggiungimento dell’obiettivo voluto.

  • Analisi e miglioramento dei processi di project management secondo gli standard internazionali più noti: UNI ISO 21500:2013 / 21502:2021 – PMI-PMP – Prince2.
  • Supporto metodologico alla gestione dei progetti.
  • Assessment sulla modalità con le quali l’azienda affronta i progetti e consulenza su come migliorare l’approccio alla loro gestione.
  • Training on the Job per junior project manager, ovvero per le risorse umane che l’azienda ha destinato alla funzione di project manager, che hanno esperienza del contesto nel quale operano ma che non hanno esperienza pratica di conduzione progetti.
  • Formazione: corsi di base ed avanzati di project management, anche su singole tematiche quali avvio del progetto, pianificazione, controllo e chiusura, tenuti da docenti qualificati.

QUALITÀ

Perseguire e sviluppare la Qualità dentro l’azienda, significa porsi l’obiettivo di garantire la creazione di valore per l’azienda stessa e di misurarla continuamente allo scopo di migliorarla costantemente in tutta la catena del valore interna ed esterna all’azienda.

In tal senso, il Temporary Manager è chiamato a svolgere questi compiti caratteristici:

  • Garantire che i Prodotti/Servizi offerti siano adeguati ai bisogni (espressi od inespressi) del cliente e che rispondano sempre adeguatamente alle normative di legge applicabili ed agli standards o specifiche tecniche di settore. 
  • Costruire (o aggiornare) il sistema di gestione Qualità dell’azienda in funzione delle Norme e Certificazioni di settore o delle specifiche richieste dai clienti, verificandone l’implementazione e sviluppo in tutte le funzioni interne, nella catena di fornitura e con i partners esistenti.
  • Supportare (training, coaching, implementazione) tools e strumenti di Qualità avanzata voluti dall’azienda o dai suoi Clienti (es: Total Quality, Lean, WCM, TOC, Agile, etc…).
  • Supporto, partecipazione od ottimizzazione per la messa a punto dei Processi nei   Progetti di Digitalizzazione, Innovazione e crescita dell’azienda.
  • Introdurre, monitorare ed aggiornare i KPI che controllano la creazione di valore nell’azienda.
  • Interpretare e supportare l’applicazione delle normative ISO richieste dal Business dell’azienda.

ACQUISTI – PROCUREMENT

L’Ufficio Acquisti gestisce il processo di approvvigionamento dei beni e servizi necessari al raggiungimento degli obiettivi aziendali, in relazione alle previsioni di produzione o di vendita, così da programmare la fornitura adeguate nei tempi e nelle quantità di beni .

Fondamentale sono le relazioni con i fornitori ,  la ricerca dei nuovi e le capacità negoziali al fine di rispettare il budget di acquisto.

La loro definizione per classe d’importanza, la determinazione delle soluzioni alternative, la valutazione se “make” or Buy” , la realizzazione del vendor rating , l’utilizzo della catena totale di acquisto per la selezione dei fornitori  … sono alcune delle attività che le moderne aziende realizzano per ottimizzare gli acquisti

La figura del Temporary Manager funge da supporto nella gestione e nella riorganizzazione dell’ufficio Acquisti, capace di contribuire alla ricerca delle soluzioni più performanti per ogni singola realtà aziendale.

LOGISTICA di DISTRIBUZIONE

La logistica è una parte vitale dell’azienda ed è un settore molto complesso, anche se troppo spesso si parla solo di movimentazione e localizzazione di merci.
Occuparsi di Logistica, anche se svolta in outsourcing, significa pianificare attentamente una serie di attività come il controllo di materiali in entrata, pianificazione e controllo dell’attività di stoccaggio, gestione del magazzino e trasporto delle merci verso i clienti.

La figura del Temporary Manager funge da supporto nella gestione e pianificazione delle attività che danno vita alla logistica:

  • organizzazione dell’ufficio logistico il quale si occupa del controllo dei documenti in entrata, della gestione della conto-lavorazione interna dei materiali da stoccare;
  • controllo delle merci allo scarico;
  • controllo della conformità e qualità delle merci;
  • stoccaggio;
  • gestione delle scorte;
  • picking e imballo per la spedizione ai clienti;

gestione del monitoraggio delle varie fasi di lavorazione (KPI).